La Maratona del Rover Opportunity su Marte


Postato il 25 marzo 2015 alle 13:55

Mappa della strada percorsa dal rover Opportunity su Marte, dal sito di atterraggio vicino al Cratere Eagle, fino alla Marathon Valley, sul bordo del Cratere Endeavour. Credit: NASA/JPL
Mappa della strada percorsa dal rover Opportunity su Marte, dal sito di atterraggio vicino al Cratere Eagle, fino alla Marathon Valley, sul bordo del Cratere Endeavour. Credit: NASA/JPL

Dopo 11 anni e due mesi su Marte, il rover Opportunity ha festeggiato un record veramente speciale! Ha totalizzato ben 42.195 km percorsi, completando una maratona! E’ il primo rover ad esserci riuscito ed è anche quello che ha navigato per più tempo e per le distanze più grandi sulla superficie di un altro mondo! La sua missione iniziale era di 3 mesi di esplorazione di Marte, ma grazie all’eccezionale lavoro fatto dagli ingegneri e programmatori, sia durante la costruzione sia durante l’uso sul pianeta, è stato possibile allungare la sua vita fino ad oggi, continuando a fare grandissime scoperte.

Ultima tappa finale della maratona di Opportunity e dove si trova attualmente. La foto spaziale è della sonda MRO. Credit: NASA/JPL
Ultima tappa finale della maratona di Opportunity e dove si trova attualmente. La foto spaziale è della sonda MRO. Credit: NASA/JPL
Panorama a colori della vastità della Marathon Valley vista da Opportunity. Credit: NASA/JPL
Panorama a colori della vastità della Marathon Valley vista da Opportunity. Credit: NASA/JPL

Ma il rover non è ovviamente su Marte semplicemente per una maratona. Si trova lì per aiutarci a comprendere com’è Marte ora e com’era miliardi di anni fa, quando l’acqua era abbondante e forse anche le condizioni per la vita erano più favorevoli. Nella prima parte della sua missione Opportunity ha trovato segni della passata presenza di acqua ma in ambienti molto salati, acidi e freddi, tutt’altro che ospitali per la vita. Ma dopo anni di missione, nelle vicinanze del Cratere Endeavour, ha trovato anche tracce molto diverse, di cristalli formati in acqua a pH neutro, con temperature molto più miti.

Le scoperte fatte durante il percorso di Opportunity su Marte. Credit: NASA/JPL
Le scoperte fatte durante il percorso di Opportunity su Marte. Credit: NASA/JPL

Attualmente Opportunity sta iniziando il suo nuovo viaggio nella Marathon Valley dove la sonda Mars Reconnaissance Orbiter aveva scoperto tracce di argille che si sono formate a contatto con l’acqua. Le continue scoperte che Opportunity fa qui ci aiuteranno anche a completare meglio il quadro della storia del pianeta alla luce anche dei dati ottenuti da altre sonde, come Curiosity nel Cratere Gale, o come il gemello di Opportunity, Spirit, scomparso nel 2009.

http://www.jpl.nasa.gov/news/news.php?feature=4521

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...